Notizie

Agevolazioni in bolletta per le imprese energivore

Dal 1 gennaio 2018 sono cambiate regole e criteri per agevolare le aziende ad alto consumo di elettricità. Innanzitutto è stata abbassata la soglia per classificarle come energivore: da 2,4 milioni di kilowattora si è passati a 1 milione. Il nuovo sistema, diversamente dal precedente, prevede la possibilità di ridurre direttamente dalle bollette elettriche gli oneri connessi al sostegno delle aziende agevolate. A beneficiare delle agevolazioni per la riduzione della bolletta, quindi, saranno oltre 3000 imprese manifatturiere. Il provvedimento, che consente di ridurre il differenziale di prezzo dell’energia pagato dalle imprese più esposte alla concorrenza estera, ha l’obiettivo di recuperare la competitività del Made in Italy. Per informazioni maggiori Innova Energia, consorzio nazionale nato con la finalità di tutelare e informare le aziende nel settore energetico. Info: 0547/75621

“Imprenditori e bollette, per fortuna c’è Innova” Intervista al dottor Pergamo responsabile nazionale dell’energia di Confesercenti

Energia, costo del lavoro e futuro: ne parliamo col responsabile nazionale dell’energia di Confesercenti dottor Gaetano Pergamo, nonchè direttore di Faib (Federazione autonoma italiana benzinai).

Dottor Pergamo, il costo dell’energia per i piccoli imprenditori, soci di Confesercenti, incide parecchio sui costi fissi?

Direi che una componente importante dei costi fissi delle aziende. Ci sono quelle dove pesa di più, e penso ai panificatori, agli alberghi, alle lavanderie, ai supermercati o ai macellai con celle frigorifere sempre in azione. Ma anche gli altri, con l’estate che sta arrivando, devono fare i conti con climatizzatori e condizionatori sempre in funzione. L’energia può arrivare a pesare sui costi fissi anche per il 20%. Intervenire su questo punto è fondamentale per Confesercenti.

E’ per questo motivo che è nato il Consorzio Nazionale Innova Energia?

Sì. Il consorzio ha l’obiettivo di contenere la tariffa alleggerendo il peso delle bollette per le imprese. Concretamente chi aderisce può arrivare a ottenere un risparmio anche a due cifre. Ovviamente ogni caso è a sé e va fatto un checkup situazione per situazione, ma la riduzione dei costi è sicura. In più c’è l’ottimo servizio fornito dallo staff di Innova e la sensibilizzazione verso le tematiche del futuro riguardanti l’efficientamento energetico. Non a caso Confesercenti nazionale organizza gli Energy Day proprio insieme al consorzio Innova. Sono giornate in cui i soci possono rivolgersi alle sedi di Confesercenti per avere informazioni, lettura gratuita della bolletta ed eventuali preventivi. Sono sicuro che dall’energia passi la sfida del futuro.

E come si vince questa sfida?

La politica non può stare solo a guardare. Deve prendere in mano la situazione perché il costo dell’energia si riflette anche sul costo del lavoro. Non è possibile gravare le bollette di oneri fissi che via via stanno diventando insostenibili, anche perché in questo modo si rischia di vanificare i comportamenti virtuosi. Un’azienda fa tutto per risparmiare, tra green energy ed efficientamento energetico, ed effettivamente i costi relativi al consumo di energia calano. Ma poi arriva un aumento degli oneri fissi che annulla i benefici ottenuti dagli sforzi effettuati dall’imprenditre. A quel punto uno si scoraggia. Ecco la politica deve intervenire a risolvere questo problema. Anche noi, come Confesercenti, faremo la nostra parte.

Bollette, novità riguardanti gli oneri generali di sistema

Con delibera 481/2017/R/EEL, l’Autorità per l’energia elettrica, gas e sistema idrico, ha definito la nuova struttura tariffaria degli oneri generali per il settore elettrico dal 1 gennaio 2018. La delibera, che comporta significativi cambiamenti per le piccole medie imprese, prevede due raggruppamenti per gli oneri di sistema: “oneri generali” e “rimanenti oneri” e non sono previste più solo due voci (quota energia e quota fissa) ma tre. Alle due già esistenti si è aggiunta la quota potenza che viene calcolata moltiplicando la potenza impegnata del contatore per un fisso stabilito ogni trimestre dall’Autorità. Un esempio? Un’attività estiva con 15 kW di potenza impegnata (con consumi invernali nulli) vedrà un aumento mensile di “oneri di sistema” pari a 30 euro circa. Per ogni informazione e approfondimento sulle novità riguardanti la struttura tariffaria degli Oneri generali di sistema si può fare riferimento a Innova Energia Consorzio Nazionale (tel. 0547/75621, fax 0547/700034 email info@innovaenergia.it).

Chi vuole collegarsi al sito dove l’Autorità ha pubblicato la delibera può cliccare https://www.arera.it/it/docs/17/481-17.htm